Metrica: interrogazione
60 sineresi in Ipermestra P  (recitativo) 
quanto seppi bramar. Linceo fu sempre
fia dal sonno Linceo, passagli il core.
più di Linceo farmi temer.
                                                  Ma pensa...
di Linceo la vendetta esser funesta
potrebbe al genitor. Linceo, se taccio,
Dell'amor di Linceo stanco è il tuo core?
mi crede reo? Qualche rival nascosto
Fortunato Linceo, contenta a segno
che il suo Linceo, lui solo attende...
                                                                E dunque
pareami il ciel; tu vuoi che speri; e spero.
forse è noto a Linceo.
                                        Stelle! Ipermestra
                   Lo volea; molto propose,
sospirava e fremea. Vidi che a forza
sugli occhi trattenea lagrime incerte
l'idea di quell'aspetto
Linceo l'amor; tutto ei potrebbe.
                                                            Ah corri,
Giunse Linceo dal campo e a me sinora
vien sì pigro Linceo? Tanto s'affretta
quel che tace Linceo.
                                        Ma... Padre... (Impaziente)
                                                                  Ah veggo
Danao esente non è.
                                       Mi gela Adrasto
a me corse Linceo. Me ne richiese;
Linceo troppo sicuro.
                                        Io l'ho veduto
nell'accoglier Linceo.
                                        Signor se giova
Linceo ti sta nel cor.
                                      Nol niego, io l'amo,
più di te che di lui. Linceo morendo
sento nel cor! Temo Linceo; vorrei
già reo nel mio pensiero). Odi Ipermestra,
son posposto a Linceo. Chi m'ha potuto
pietà del tuo Linceo. Confuso, oppresso
dirti Ipermestra. Or più Linceo qual era
ch'io fido a te sappia Linceo.
                                                     Ma l'ami?
ha da temer Linceo? Perché non deggio
perché trovo Linceo? Con chi ti sdegni?
Abbastanza ascoltai. (Come sopra)
                                        Linceo perdona,
Su l'orme di Linceo. (Come sopra)
                                        Gran cose io vengo
Tanto ardisce Linceo?
                                          Non v'è chi possa
son rea... (S’arresta vedendo il padre)
                    Perché t'arresti?
                                                    (Oh dio! L'uccido).
Siegui, termina almen.
                                            Se rea son io (Si ricompone)
basta così. Parti Linceo.
                                             T'affanna
Addio. (Partendo)
                Dove Linceo?
                                           Dove? A morire.
che tu viva Linceo.
                                    Tu vuoi ch'io viva?
te ad un atto sì reo, d'un'altra sposa
come Danao sperò?
                                      Ciò che si brama
Linceo sedur con un geloso sdegno,
ei non procura intanto al reo disegno
posso avvertir Linceo.
                                          Parlasti a lui? (Con timore)
Parlisi con Linceo. Corri, t'affretta;
           Non m'arrestar. (Come sopra)
                                          Linceo s'appressa.
ch'io dimando a Linceo.
                                             Che dura legge!
Danao ti vuole estinto. Indur la figlia
Danao che teco ella parlò; né mai
d'una vittima i fati abbian desio,
ben grato esser ti dee d'una sì bella
                            Ma non perciò...
                                                            T'accheta
non siano invendicate. (Snuda la spada)
Danao non ingannarti
nell'inchiesta del reo. Da me sedotto
non difendo Linceo; me stessa accuso.
alcun più reo di me? Vivi felice,
vivi col tuo Linceo. Ma se la vita

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/metastasio/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8