Metrica: interrogazione
47 sineresi in Semiramide Q1  (recitativo) 
de' primi giorni miei dovea la cura.
si presenta Mirteo. Fra gli altri anch'io
(Qual ti sembra Mirteo?) (Piano a Tamiri)
                                                 (Molle e noioso). (Piano a Semiramide)
Non sperai... Mi credea... Ma veggo... (Oh dei!)
giurar si dee di tollerar con pace
di Mirteo l'umiltà veggo ed ammiro;
al germano Mirteo nota sarebbe.
cauto lo cela; è qui Mirteo; potrebbe
d'Ircano e di Mirteo.
                                        Fermati e seco (Piano a Tamiri)
se siano i detti tuoi finti o veraci;
dell'ingiusto imeneo troncare il laccio.
del ricco Gange e dell'eoe maremme
In lucido cristallo aureo liquore,
venga Ircano, Mirteo, venga uno stuolo,
la custodia del reo.
                                    Come!
                                                   Che intendo!
ha più idea di dovere;
dell'imeneo col suo rifiuto indegno;
un delitto comun? Reo della frode
mi creda reo, non del rifiuto; e sappia
e Scitalce e Mirteo, Tamiri e Nino!
veramente è Mirteo; rozzo in amore
Fortunato Mirteo! (Quanto s'inganna!)
Mirteo, cangia favella o cangia affetto.
a credermi sì rea?
                                   So che ti spiacque,
dovea l'aurora? E tu senza Tamiri
                          Mirteo, respira.
chi preveder potea? Fu gran ventura
Compreso il reo disegno,
Ah Mirteo, nol conosci.
                                           Io nol conosco?
ogni ragione all'imeneo conteso.
Mirteo, dal tuo valore
tace e solo Mirteo pugnar desia?
caro Mirteo, ti sono amico e penso
che Mirteo ci conosca; ai detti suoi,
Non ti sdegnare; un imeneo potrebbe
Mirteo, per quanto io tardi,
Mirteo, per pace tua lasciami e parti.
non lo vide Mirteo? Di tue menzogne
Mirteo, Scitalce, oh dio!
Saprò qualunque io sia...
                                               Mirteo, t'inganni.
Semiramide rea? Parla, rispondi,
                           (Che incontro!)
                                                          E tanto ardisti,
Allor... (Mi perdo...) Io non credea... Parlai...
sul Nilo v'attendea. Volli assalirti
                          Ah Mirteo! (Scende dal trono ed abbraccia Mirteo)
                                                 Perdono, o cara. (S’inginocchia)
                    Sorgi e t'assolva (Porge la mano a Scitalce)
ecco il premio, o Mirteo, da te bramato. (Tamiri dà la mano a Mirteo)

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/metastasio/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8