Metrica: interrogazione
26 sineresi in Achille in Sciro H  (recitativo) 
scusa, eroe generoso. Al re men volo
                         (Ah, ch'io fingea s'è quasi accorto). (Parte)
di Peleo in corte, ha già molt'anni. Ei finse
Peleo ne' suoi verdi anni
quel volto avea, me ne rammento. E poi
fidarsi ancor non dee. Posso ingannarmi;
ch'io l'osservi non dee).
                                             (Che fa?) (Piano ad Arcade)
                                                                 (Ti mira). (Piano ad Ulisse)
solleva Anteo per atterrarlo; e l'arte
oh magnanimo eroe! Vivrà il tuo nome
meglio unir si potea?
                                         (Soffersi assai).
di magistero egual.
                                     L'eoa marina (Ammirando le gemme)
le spoglie Idomeneo; di Priamo il trono
traea misto e sepolto
ecco l'eroe. Ringiovanita al sole
degni d'Achille! E si volea di tanto
non sarian che d'impaccio. (Ai detti mordaci di Ulisse Achille si turba, s’accende e sdegnasi per gradi) Olà, rendete
la gonna al nostro eroe. Riposi ormai,
per lui vivea; voglio morir per lui. (Sviene sopra un sasso)
io che m'opposi; eccoti il reo... Ma... Come!
a sì grande imeneo. So quanto il mondo
la rea; già fu punita. Ella in tal guisa
dell'imeneo richiesto? Il generoso
il nostro eroe, se respirasse ognora
dopo un tale imeneo? Su' grandi esempi
le cesaree virtù. Qual ombra opporre

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/metastasio/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8