Didone abandonata, Napoli, Ricciardo, 1724

 SCENA VII
 
 IARBA, ARASPE
 
 IARBA
 Quant'è stolto se crede
 ch'io gli abbia a serbar fede.
 ARASPE
245Il promettesti a lui.
 IARBA
 Non merta fé chi non la serba altrui.
 Ma vanne amato Araspe,
 ogn'indugio è tormento al mio furore.
 Vanne; le mie vendette
250un tuo colpo assicuri. Enea s'uccida.
 ARASPE
 Vado e sarà fra poco
 del suo, del mio valore
 in aperta tenzone arbitro il fato.
 IARBA
 No, t'arresta. Io non voglio
255che al caso si commetta
 l'onor tuo, l'odio mio, la mia vendetta.
 Improviso l'assali, usa la frode.
 ARASPE
 Da me frode! Signor, suddito io nacqui
 ma non già traditor. Dimmi ch'io vada
260nudo in mezzo agl'incendi, incontro all'armi,
 tutto farò. Tu sei
 signor della mia vita; in tua difesa
 non ricuso cimento.
 Ma da me non si chiede un tradimento.
 IARBA
265Sensi d'alma volgare; a me non manca
 braccio del tuo più fido.
 ARASPE
                                              E come, o dei,
 la tua virtude...
 IARBA
                               Eh che virtù? Nel mondo
 o virtù non si trova
 o è sol virtù quel che diletta e giova.
 
270   Fra lo splendor del trono
 belle le colpe sono,
 perde l'orror l'inganno,
 tutto si fa virtù.
 
    Fuggir con frode il danno
275può dubitar se lice
 quell'anima infelice
 che nacque in servitù. (Parte)