Metrica: interrogazione
1016 endecasillabi (recitativo) in Demofoonte Q 
Credimi, o padre, il tuo soverchio affetto
rende sicuro. A domandar che solo
l'urna fatale, altra ragion non hai
che il regio esempio.
                                        E ti par poco? Io forse
son men padre del re? D'Apollo il cenno
vuol che su l'are sue si sparga il sangue
ogni anno in questo dì; ma non esclude
le vergini reali. Ei che si mostra
sì rigido custode agli altri insegni
con l'esempio costanza. A sé richiami
sue regie figlie. I nomi loro esponga
anch'egli al caso. All'agitar dell'urna
provi egli ancor d'un infelice padre
come palpita il cor, come si trema
la mano accosta il sacerdote, e quando
l'estratto nome a pronunciar s'appresta.
ch'abbia a toccar sempre la parte a lui
di spettator nelle miserie altrui.
Le umane sì, non le divine.
                                                   E queste
a lor s'aspetta interpetrar.
                                                 Non quando
parlan chiaro gli dei.
                                        Mai chiari a segno...
Non più, Dircea. Son risoluto.
                                                       Ah meglio
pensaci, o genitor. L'ira ne' grandi
tarda s'estingue. È temeraria impresa
che ha congiunto il poter. Già il re purtroppo
bieco ti guarda. Ah che sarà se aggiunge
ire novelle all'odio antico?
                                                 Invano
l'odio di lui tu mi rammenti e l'ira;
la ragion mi difende, il ciel m'inspira.
quindi lungi non fosse... Oh ciel! Che miro!
Ei viene a me!
                             Dolce consorte...
                                                             Ah taci.
Potrebbe udirti alcun. Rammenta, o caro,
suddita sposa a regio figlio unita.
Non temer, mia speranza. Alcun non ode;
io ti difendo.
                          E quale amico nume
ti rende a me?
                             Del genitore un cenno
né la cagion ne so. Ma tu, mia vita,
qual ti lasciai? Pensasti a me?
                                                        Ma come
chieder lo puoi? Puoi dubitarne?
                                                             Oh dio!
Non dubito, ben mio, lo so che m'ami.
sentirlo replicar troppo mi piace.
Ed il picciolo Olinto, il caro pegno
A qual di noi somiglia?
                                            Egli incomincia
orme incerte a segnar. Tutta ha nel volto
che tanto in te mi piacque. Allor che ride,
par l'immagine tua. Lui rimirando,
te rimirar mi sembra. Oh quante volte
credula troppo al dolce error del ciglio
mi strinsi al petto il genitor nel figlio.
guidami a lui; fa' ch'io lo vegga.
                                                           Affrena,
signor, per ora il violento affetto.
egli vive celato e andarne a lui
non è sempre sicuro. Oh quanta pena
costa il nostro segreto!
                                          Ormai son stanco
di finger più, di tremar sempre. Io voglio
d'uscir di tante angustie.
                                               Oggi sovrasta
altra angustia maggiore. Il giorno è questo
dell'annuo sacrificio. Il nome mio
sarà esposto alla sorte. Il re lo vuole;
s'oppone il padre; e della lor contesa
temo più che del resto.
                                           È noto forse
al padre tuo che sei mia sposa?
                                                          Il cielo
nol voglia mai. Più non vivrei.
                                                        M'ascolta.
si consulti l'oracolo. Acquistiamo
tempo a pensar.
                                Questo è già fatto.
                                                                   E come
«Con voi del ciel si placherà lo sdegno,
fia l'innocente usurpator d'un regno».
Che tenebre son queste?
                                               E se dall'urna
esce il mio nome, io che farò? La morte
mio spavento non è; Dircea saprebbe
per la patria morir. Ma Febo chiede
d'una vergine il sangue. Io moglie e madre
come accostarmi all'ara? O parli o taccia
il ciel se taccio, il re se parlo offendo.
gran coraggio bisogna. Al re conviene
scoprir l'arcano.
                               E la funesta legge
che a morir mi condanna?
                                                  Un re la scrisse,
può rivocarla un re. Benché severo
Demofoonte è padre ed io son figlio.
io lo so, tu lo sai. Non torno alfine
senza merito a lui. La Scizia oppressa,
son mie conquiste; e qualche cosa il padre
può fare anche per me. Se ciò non basta
piangere, supplicar, piegarmi al suolo,
domandargli pietà.
                                     Dubito... Oh dio!
Non dubitar, Dircea. Lascia la cura
a me del tuo destin. Va'. Per tua pace
che a te penso, cor mio, più che a me stesso.
Sei pur cieca, o fortuna! Alla mia sposa
beltà, virtù quasi divina e poi
la fai nascer vassalla. Error sì grande
correggerò ben io. Meco sul trono
la Tracia un dì l'adorerà. Ma viene
il real genitor. Più non s'asconda
il mio segreto a lui.
                                     Principe, figlio.
Padre, signor. (S’inginocchia e gli bacia la mano)
                             Sorgi.
                                           I reali imperi
eccomi ad eseguir.
                                    So che non piace
la pacifica reggia; e il cenno mio
forse t'incresce. I tuoi trionfi, o prence,
e perché mie conquiste e perché tuoi,
sempre cari mi son. Ma tu di loro
mi sei più caro. I tuoi sudori ormai
di riposo han bisogno. È del riposo
figlio il valor. Sempre vibrato, alfine
inabile a ferir l'arco si rende.
Il meritar son le tue parti; e sono
il premiarti le mie. Se il prence, il figlio
degnamente le sue compì finora,
il padre, il re le sue compisca ancora.
(Opportuno è il momento. Ardir). Conosco
tenero genitor che...
                                      No, non puoi
conoscerlo abbastanza. Io penso, o figlio,
io ti leggo nell'alma e quel che taci
intendo ancor. Con la tua sposa al fianco
vorresti ormai che ti vedesse il regno.
Di', non è ver?
                             (Certo ei scoperse il nodo
che mi stringe a Dircea).
                                               Parlar non osi;
rispettoso silenzio. Io lo confesso,
dubitai su la scelta; anzi mi spiacque.
mi pareva viltà. Gli odi del padre
abborria nella figlia. Alfin prevalse
felice, o prence.
                               (Il dubitarne è vano).
è lieve ogni riguardo.
                                         Amato padre,
nuova vita or mi dai. Volo alla sposa
per condurla al tuo piè.
                                            Ferma. Cherinto,
                        Che inaspettata è questa
                 V'è per mio cenno al porto
chi ne attende l'arrivo.
                                           Al porto!
                                                              E quando
vegga apparir la sospirata nave
avvertiti sarem.
                               Qual nave?
                                                      Quella
conduce alle tue nozze.
                                           (Oh dei!)
                                                               Ti sembra
strano, lo so. Gli ereditari sdegni
de' suoi, degli avi nostri un simil nodo
non facevan sperar. Ma in dote alfine
ella ti porta un regno. Unica prole
è del cadente re.
                                Signor... Credei...
(Oh error funesto!)
                                     Una consorte altrove
che suddita non sia per te non trovo.
che importa, o padre?
                                          Ah no; troppo degli avi
ne arrossirebbon l'ombre. È lor la legge
che condanna a morir sposa vassalla
unita al real germe; e finch'io viva,
rigido esecutor.
                               Ma questa legge...
le frigie navi.
                           Ad incontrar la sposa
vola, o Timante.
                               Io?
                                        Sì. Con te verrei
ma un funesto dover mi chiama al tempio.
Ferma, senti, signor.
                                        Parla. Che brami?
Confessarti... (Che fo?) Chiederti... (Oh dio!
Che angustia è questa!) Il sacrificio, o padre...
(Oh legge! Oh sposa! Oh sacrificio! Oh sorte!)
più luogo a pentimento. È stretto il nodo,
io l'ho promesso. Il conservar la fede
obbligo necessario è di chi regna;
e la necessità gran cose insegna.
la povera Dircea che tante unite
sventure contro lei! Voi che inspiraste
i casti affetti alle nostr'alme, voi
che al pudico imeneo foste presenti,
difendetelo, o numi; io mi confondo.
che il cor mancommi e si smarrì l'ingegno.
Perché mesto così? Pensi, sospiri,
taci, mi guardi; e se a parlar t'astringo
molto a dir ti prepari e nulla dici.
allegro tuo sembiante? Ove i festivi
detti ingegnosi? In Tracia tu non sei
qual eri in Frigia. Al talamo le spose
s'accompagnan fra voi? Per le mie nozze
presagisce il mio duol, tutto si sfoghi,
tutto sopra di me. Poco i miei mali
accresceran le stelle. Io de' viventi
già sono il più infelice.
                                           E questo arcano
non può svelarsi a me? Vaglion sì poco
il mio soccorso, i miei consigli?
                                                          E vuoi
ch'io parli? Ubbidirò. Dal primo istante...
Quel giorno... Oh dio! No, non ho cor. Perdona,
meglio è tacer. Meriterei parlando
forse lo sdegno tuo.
                                     Lo merta assai
già la tua diffidenza. È ver ch'alfine
mal sicuro il segreto. Andiamo, andiamo.
Taci pur; n'hai ragion.
                                           Fermati. Oh numi!
Parlerò; non sdegnarti. Io non ho pace;
tu me la togli; il tuo bel volto adoro;
e mi sento morir. Questo è l'arcano.
che sdegnar ti farei?
                                       Sperai, Cherinto,
più rispetto da te.
                                   Colpa d'amore...
Taci, taci. Non più. (Volendo partire)
                                     Ma già che a forza
il delitto ascoltar, senti la scusa.
Che dir potrai?
                              Che di pietà son degno,
s'ardo per te. Che se l'amarti è colpa,
Demofoonte è il reo. Doveva il padre
altri sceglier che me. Se l'esca avvampa,
stupir non dee chi l'avvicina al fuoco.
Tu bella sei, cieco io non son. Ti vidi,
t'ammirai, mi piacesti. A te vicino
ogni dì mi trovai. Comodo e scusa
mi diè per vagheggiarti; e me quel nome
non che gli altri ingannò. L'amor che sempre
sospirar mi facea d'esserti accanto
mi pareva dovere. E mille volte
gli affetti del german, spiegando i miei.
(Ah me n'avvidi). Un tale ardir mi giunge
nuovo così che istupidisco.
                                                  E pure
talor mi lusingai che l'alme nostre
senza parlar. Certi sospiri intesi;
un non so che di languido osservai
spesso negli occhi tuoi che mi parea
molto più che amicizia.
                                            Or su, Cherinto,
cominci ad abusar. Mai più d'amore
guarda di non parlarmi.
                                              Io non comprendo...
Mi spiegherò. Se in avvenir più saggio
non sei di quel che fosti infino ad ora,
non comparirmi innanzi. Intendi ancora?
                            No no. Troppo t'offende
la mia presenza. (In atto di partire)
                                 Odi, Cherinto.
                                                              E troppo
della tua tolleranza. (In atto di partire)
                                      E chi finora
t'impose di partir?
                                     Comprendo assai
anche quel che non dici.
                                              Ah prence, ah quanto
mal mi conosci. Io da quel punto... (Oh numi!)
Da quel punto... (Ah che fo?) Parti, se vuoi.
Barbara partirò; ma forse... Oh stelle!
Ecco il german.
                              Dimmi, Cherinto. È questa
la frigia principessa?
                                        Appunto.
                                                            Io deggio
seco parlar. Per un momento solo
da noi ti scosta.
                              Ubbidirò. (Che pena!)
Sposo, signor.
                            Donna real, noi siamo
in gran periglio entrambi. Il tuo decoro,
puoi difender, se vuoi.
                                           Che avvenne?
                                                                       I nostri
genitori fra noi strinsero un nodo
ch'io non richiesi. I pregi tuoi reali
non che di me; ma il mio destin non vuole
ch'io possa esserti sposo. Un vi si oppone
invincibil riparo. Il padre mio
nol sa né posso dirlo. A te conviene
prevenire un rifiuto. In vece mia
va', rifiutami tu. Di' ch'io ti spiaccio;
i demeriti miei; sprezzami e salva
per questa via, che il mio dover t'addita,
l'onor tuo, la mia pace e la mia vita.
trattenermi di più. Prence alla reggia
sia tua cura il condurla. (Partendo)
                                             Ah dimmi almeno...
Né più dirti saprei. Pensaci. Addio. (Parte)
Numi! A Creusa? Alla reale erede
dello scettro di Frigia un tale oltraggio?
se tu non mel toglievi.
                                          Ah l'onor mio
vendica tu, se m'ami. Il cor, la mano,
quanto possiedo è tuo. Limite alcuno
non pongo al premio.
                                         E che vorresti?
                                                                       Il sangue
Del mio german!
                                 Che! Impallidisci? Ah vile.
meritar l'amor mio.
                                      Ma principessa...
Non più. Lo so; siete d'accordo entrambi
scellerati a tradirmi.
                                       Io! Come! E credi
così dunque il mio amor poco sincero?
Del tuo amor mi vergogno o falso o vero.
Oh dei perché tanto furor! Che mai
le avrà detto il german! Voler ch'io stesso
nelle fraterne vene... Ah che in pensarlo
gelo d'orror. Ma con qual fasto il disse!
Con qual fierezza! E pur quel fasto e quella
sua fierezza m'alletta. In essa io trovo
stupir mi fa, mi fa languir d'amore.
Dove, dove o signor?
                                        Nel più deserto
sen della Libia, alle foreste ircane,
fra le scitiche rupi, o in qualche ignota,
separata dal mondo ultima terra.
nella cura de' figli. Ecco il rispetto
che prometter si può la vostra cura.
(Ah scoprì l'imeneo! Son morta). Oh dio!
Signor, pietà.
                           Non v'è pietà né fede.
Tutto è perduto.
                                Ecco al tuo piè...
                                                                Che fai?
Il tuo caso domanda altro che pianto.
volo a cercar che ne trasporti altrove. (Parte)
vuol condurmi a morir? Figlio innocente,
adorato consorte, oh dei, che pena
partir senza vedervi.
                                        Alfin ti trovo,
Dircea mia vita.
                                Ah caro sposo, addio
e addio per sempre. Al tuo paterno amore
abbraccialo per me; bacialo e tutta
capace di pietà, la sorte mia.
Sposa che dici? Ah nelle vene il sangue
                         Certo scoperse il padre
il nostro arcano. Ebro è di sdegno e vuole
quindi lungi condurmi. Io lo conosco,
per me non v'è più speme.
                                                  Eh rassicura
lo smarrito tuo cor, sposa diletta,
al mio fianco tu sei.
                                      Dircea, t'affretta.
Dircea non partirà.
                                     Chi l'impedisce?
        Come!
                       Aimè!
                                     Difenderò col ferro
la paterna ragion. (Snuda la spada)
                                   Col ferro anch'io
la mia difenderò. (Fa lo stesso)
                                   Prence, che fai!
Fermati, o genitore. (Si frappone)
                                       Empio! Impedirmi
che al crudel sacrificio una innocente
vergine io tolga?
                                (Oh dei!)
                                                    Ma dunque...
                                                                               (Ah taci. (Piano a Timante fingendo trattenerlo)
Nulla sa; m'ingannai).
                                           Volerla oppressa!
(Io quasi per timor tradii me stessa).
Signor perdona. Ecco l'error. Ti vidi
verso lei che piangea correr sdegnato;
tempo a pensar non ebbi; opra pietosa
il salvarla credei dal tuo furore.
non impedir. La vittima, se resta,
oggi sarà Dircea.
                                 Stelle!
                                               Dall'urna
forse il suo nome uscì?
                                           No; ma l'ingiusto
tuo padre vuol quell'innocente uccisa,
senza il voto del caso.
                                        E perché tanto
sdegno con lei?
                              Per punir me che volli
fosse esposta Dircea, perché produssi
l'esempio suo, perché l'amor paterno
mi fe' scordar d'esser vassallo.
                                                        Oh dio!
Ogni cosa congiura a danno mio.
Matusio, non temer. Barbaro tanto
il re non è. Negl'impeti improvvisi
tutti abbaglia il furor; ma la ragione
poi n'emenda i trascorsi.
                                               Olà ministri,
custodite Dircea. (Le guardie la circondano)
                                  Nol dissi, o prence.
               Misera me!
                                       Per qual cagione
è Dircea prigioniera?
                                         Il re l'impone.
sventurata il saprai.
                                      Principe, padre,
movetevi a pietà.
                                  No non fia vero... (In atto d’assalire)
Non soffrirò...
                            Se v'appressate, in seno
questo ferro le immergo. (Impugnando uno stile)
                                                Empio!
                                                                 Inumano! (Si fermano)
mi giustifica assai.
                                    Dunque...
                                                         T'affretta;
sono vane, o Dircea, le tue querele.
Vengo. (Incaminandosi)
                Ah barbaro. (In atto d’assalire)
                                        Olà. (In atto di ferire)
                                                   Ferma, crudele. (Arrestandosi)
Consigliatemi, o dei.
                                        Né s'apre il suolo!
tanta empietà, tanta ingiustizia! E poi
abbia cura di noi.
                                  Facciamo, amico,
miglior uso del tempo. Appresso a lei
tu vanne e vedi ov'è condotta. Il padre
io volo intanto a raddolcir.
                                                 Non spero...
altra via di salvarla, ove non ceda
Oh di padre miglior figlio ben degno! (L’abbraccia e parte)
Chiedi pure, o Creusa. In questo giorno
tutto farò per te. Ma non parlarmi
a favor di Dircea. Voglio che il padre
morir la vegga. Il temerario offese
troppo il real decoro. In faccia mia
sparger nel volgo! a' miei decreti opporsi!
Paragonarsi a me! Regnar non voglio,
se tal vergogna ho da soffrir nel soglio.
a pregarti, signor. Conosco assai
quel che potrei sperar. Le mie preghiere
son per me stessa.
                                   E che vorresti?
                                                                 In Frigia
subito ritornar. Manca il tuo cenno
le navi uscir. Questo io domando; e credo
che negarlo non puoi, se pur qui dove
non è strano il timor, schiava io non sono.
Che dici, o principessa? Ah quai sospetti!
Che pungente parlar! Partir da noi!
E lo sposo? E le nozze?
                                           Eh per Timante
Creusa è poco. Una beltà mortale
non lo speri ottener. Per lui... Ma questa
la mia cura non è. Partir vogl'io;
l'arbitra di te stessa. In Tracia a forza
ritenerti io non vuo'. Ma non sperai
tale ingiuria da te.
                                    Non so di noi
chi ha ragion di lagnarsi; e il prence... Alfine
                           Ma lo vedesti?
                                                        Il vidi.
parlato non avesse.
                                     E che ti disse?
Signor, basta così.
                                   Creusa, intendo.
Ruvido troppo alle parole, agli atti
ti parve il prence. Ei freddamente forse
t'accolse, ti parlò. Scuso il tuo sdegno.
a' molli avvezza e teneri costumi,
l'aria d'un trace. E se Timante è tale,
meraviglia non è. Nacque fra l'armi,
fra l'armi s'educò. Teneri affetti
per lui son nomi ignoti. A te si serba
ne' misteri d'amor. Poco, o Creusa,
ti costerà. Che non insegna un volto
sì pien di grazie e due vivaci lumi
che parlan come i tuoi? S'apprende in breve
di sì dotti maestri ogni dottrina.
Al rossor d'un rifiuto una mia pari
non s'espone però.
                                    Rifiuto! E come
lo potresti temer?
                                   Chi sa?
                                                   La mano,
pur che tu non la sdegni, in questo giorno
il figlio a te darà. La mia ne impegno
fede reale. E se l'audace ardisse
di repugnar, da mille furie invaso
saprei... Ma no. Troppo è lontano il caso.
(Sì sì, Timante all'imeneo s'astringa
per poter rifiutarlo). E bene, accetto,
signor, la tua promessa; or fia tua cura
                   Basta così. Vivi sicura.
Che alterezza ha costei! Quasi... Ma tutto
al grado, al sesso ed all'età si doni.
troppo mal l'abbia accolta. È forza ch'io
l'avverta, lo riprenda, acciò più saggio
le ripugnanze sue vinca in appresso.
Olà; Timante a me. Ma viene ei stesso.
Mio re, mio genitor, grazia, perdono,
             Per chi?
                               Per l'infelice figlia
dell'afflitto Matusio.
                                       Ho già deciso
del suo destin. Non si rivoca un cenno
che uscì da regio labbro. È d'un errore
conseguenza il pentirsi. E il re non erra.
Se si adorano in terra, è perché sono
placabili gli dei. D'ogn'altro è il Fato
nume il più grande; e sol perché non muta
un decreto giammai, non trovi esempio
di chi voglia innalzargli un'ara, un tempio.
è custode il timor.
                                   Poco sicuro.
Di lui figlio è il rispetto.
                                             E porta seco
tutti i dubbi del padre.
                                            A poco a poco
                            Ma simulato.
                                                      Il tempo
t'insegnerà quel ch'or non sai. Per ora
d'altro abbiamo a parlar. Dimmi; a Creusa
che mai facesti? In questo dì tua sposa
esser deve e l'irriti!
                                      Ho tal per lei
repugnanza nel cor che non mi sento
valor di superarla.
                                   E pur conviene...
Ne parleremo. Or per Dircea, signore,
sono al tuo piè. Quell'innocente vita
dona a' prieghi d'un figlio.
                                                  E pur di lei
torni a parlar. Se l'amor mio t'è caro,
questa impresa abbandona.
                                                    Ah padre amato,
non ti posso ubbidir. Deh se giammai
son giunto a meritar, se adorno il seno
d'onorate ferite alle tue braccia
ritornai vincitor, se i miei trionfi,
non tardi frutti, han mai saputo alcuna
lagrima di piacer, libera, assolvi
la povera Dircea. Misera! Io solo
parlo per lei; l'abbandonò ciascuno,
non ha speme che in me. Sarebbe, oh dio!
troppa inumanità, senza delitto,
nel fior degli anni suoi, su l'are atroci
vederla agonizzar. Vederle a rivi
dal molle sen. Del moribondo labbro
udir gli ultimi accenti, i moti estremi
degli occhi suoi... Ma tu mi guardi, o padre!
Tu impallidisci! Ah lo conosco; è questo
un moto di pietà. (S’inginocchia) Deh non pentirti;
secondalo, o signor. No; finché il cenno
onde viva Dircea, padre, non dai
io dal tuo piè non partirò giammai.
Principe (oh sommi dei!) sorgi. E che deggio
creder di te? Quel nominar con tanta
tenerezza Dircea, queste eccessive
che voglion dir? L'ami tu forse?
                                                           Invano
farei studio a celarlo.
                                        Ah questa è dunque
delle freddezze tue verso Creusa
la nascosta sorgente. E che pretendi
da questo amor? Che per tua sposa forse
una vassalla io ti conceda? O pensi
che un imeneo nascosto... Ah se potessi
immaginarmi sol...
                                     Qual dubbio mai
ti cade in mente! A tutti i numi il giuro,
non sposerò Dircea; nol bramo. Io chiedo
che viva solo. E se pur vuoi che mora,
morrà, non lusingarti, il figlio ancora.
(Per vincerlo si ceda). E ben tu 'l vuoi;
                        Mio caro padre... (Vuol baciargli la mano)
                                                         Aspetta.
condescendenza una mercé.
                                                    La vita,
il sangue mio...
                              No, caro figlio, io bramo
meno da te. Nella real Creusa
rispetta la mia scelta. A queste nozze
non ti mostrar sì avverso.
                                                Oh dio!
                                                                 Lo veggo;
ti costan pena. Or questa pena accresca
merito all'ubbidienza. Ebb'io pietade
della tua debolezza; abbi tu cura
dell'onor mio. Che si diria, Timante,
del padre tuo se per tua colpa astretto
le promesse a tradir... Ma tanto ingrato
so che non sei. Vieni alla sposa; al tempio
conduciamola adesso; adesso in faccia
adempi, o figlio, i tuoi doveri e i miei.
Signor... non posso.
                                     Io fin ad ora, o prence,
da padre ti parlai. Non obbligarmi
a parlarti da re.
                               Del re, del padre
egualmente mi son. Ma tu lo sai;
amor forza non soffre.
                                          Amor governa
le nozze de' privati; hanno i tuoi pari
nume maggior che gli congiunge. E questo
sempre è il pubblico ben.
                                                Se il bene altrui
tal prezzo ha da costar...
                                             Prence, son stanco
di garrir teco. Altra ragion non rendo.
Io così voglio.
                           Ed io non posso.
                                                           Audace!
                    Lo so. Vorrai punirmi.
                                                               E voglio
che in Dircea s'incominci il tuo castigo.
               Parti.
                            Ma senti.
                                                Intesi assai.
E morendo Dircea...
                                       Né parti ancora?
non ti lagnar...
                             Che! Temerario! (Oh dei!)
se priego o se minaccio. A poco a poco
la ragion m'abbandona. A un passo estremo
non costringermi, o padre. Io mi protesto.
Farei... Chi sa?
                              Di'; che faresti, ingrato?
Tutto quel che farebbe un disperato.
Dunque m'insulta ognun? L'ardita nuora,
il suddito superbo, il figlio audace
tutti scuotono il freno? Ah non è tempo
di soffrir più. Custodi olà. Dircea
senz'altro indugio; ella è cagion de' falli
del padre suo, del figlio mio. Né quando
viver dovrebbe. È necessario al regno
l'imeneo con Creusa; e mai Timante
nol compirà finché Dircea non muore.
la perdita d'un solo, anche innocente.
Sì, caro amico, è nella fuga. Invece
il re più s'irritò. Fuggir conviene
e fuggire a momenti. Un agil legno
sollecito provedi. In quello aduna
quanto potrai di prezioso e caro;
alla destra del porto il mar s'interna,
m'attendi ascoso. Io con Dircea fra poco
                     Ma de' custodi suoi...
Deluderò la cura. Ignota via
v'è chi m'apre all'albergo ov'ella è chiusa.
Va', che il tempo è infedele a chi ne abusa.
Gran passo è la mia fuga. Ella mi rende
e povero e privato. Il regno e tutte
io perderò. Ma la consorte e il figlio
vaglion di più. Proprio valor non hanno
gli altri beni in sé stessi; e gli fa grandi
la nostra opinion. Ma i dolci affetti
e di padre e di sposo hanno i lor fonti
nell'ordine del tutto; essi non sono
dalla forza dell'uso o dalle prime
idee di cui bambini altri ci pasce;
già n'ha i semi nell'alma ognun che nasce.
Fuggasi pur... Ma chi s'appressa? È forse
il re; veggo i custodi. Ah no; vi sono
ancor sacri ministri; e in bianche spoglie
fra lor... Misero me! La sposa! Oh dio!
Fermatevi. Dircea, che avvenne?
                                                             Alfine
ecco l'ora fatale. Ecco l'estremo
istante ch'io ti veggo. Ah prence, ah questo
è pur l'amaro passo.
                                       E come! Il padre...
Mi vuol morta a momenti.
                                                  Infin ch'io vivo... (Volendo snudar la spada)
Signor, che fai? Sol contro tanti, invano
difendi me, perdi te stesso.
                                                   È vero.
Miglior via prenderò. (Volendo partire)
                                          Dove?
                                                         A raccorre
quanti amici potrò. Va' pure; al tempio
sarò prima di te. (Come sopra)
                                  No. Pensa... Oh dio!
Non v'è più che pensar. La mia pietade
già diventa furor. Tremi qualunque
oppormisi vorrà; se fosse il padre,
non risparmio delitti. Il ferro, il fuoco
la reggia, il tempio, i sacerdoti, i numi. (Parte)
Fermati. Ah non m'ascolta. Eterni dei
custoditelo voi. S'ei pur si perde,
chi avrà cura del figlio? In questo stato
di tremar per lo sposo. Avessi almeno
a chi chieder soccorso... Ah principessa,
ah Creusa, pietà. Non puoi negarla;
nell'ultime miserie una che muore.
Chi sei? Che brami?
                                        Il caso mio già noto
purtroppo ti sarà. Dircea son io;
vado a morir; non ho delitto. Imploro
pietà ma non per me. Salva, proteggi
il povero Timante. Egli si perde
per desio di salvarmi. In te ritrovi,
se i prieghi di chi muor vani non sono,
disperato assistenza e reo perdono.
come puoi pensar tanto al suo riposo?
Oh dio! Più non cercar. Sarà tuo sposo.
Che incanto è la beltà! Se tale effetto
fa costei nel mio cor, degno di scusa
è Timante che l'ama. Appena il pianto
io potei trattener. Questi infelici
s'aman da vero; e la cagion son io
di sì fiera tragedia? Ah no. Si trovi
qualche via d'evitarla. Appunto ho d'uopo
di te, Cherinto.
                              Il mio germano esangue
domandar mi vorrai.
                                        No, quella brama
con l'ira nacque e s'ammorzò con l'ira;
or desio di salvarlo. Al sacrificio
Timante è disperato. I suoi furori
tu corri a regolar. Grazia per lei
ad implorare io vado.
                                         Oh degna cura
d'un'anima reale! E chi potrebbe
non amarti o Creusa? Ah se non fossi
sì tiranna con me...
                                     Ma donde il sai
ch'io son tiranna? È questo cor diverso
Anch'io... Ma va'. Troppo saper vorresti.
Cherinto idolo mio, quanto mi costa
questo finto rigor che sì t'affanna,
ah forse allor non ti parrei tiranna.
ancor sposa non son; facile è il cambio,
può dipender da me. Ma destinata
al regio erede, ho da servir vassalla
dove venni a regnar? No; non consente
il fasto, la virtù, la gloria mia.
difendetelo voi. Timante ascolta;
Timante, ah per pietà...
                                             Vieni, mia vita, (Tornando affannato con spada alla mano)
vieni. Sei salva.
                               Ah che facesti!
                                                            Io feci
quel che dovea.
                              Misera me! Consorte,
oh dio, tu sei ferito. Oh dio, tu sei
tutto asperso di sangue.
                                             Eh no, Dircea,
non ti smarrir. Dalle mie vene uscito
questo sangue non è. Dal seno altrui
lo trasse il mio furor.
                                        Ma guarda...
                                                                 Ah sposa,
non più dubbi. Fuggiamo. (La prende per mano)
                                                  E Olinto? E il figlio?
vogliam partir?
                               Ritornerò per lui
quando in salvo sarai. (Partendo alla sinistra)
                                           Fermati, io veggo
i custodi reali.
                            È ver; fuggiamo (Verso la destra)
dunque per l'altra via; ma quindi ancora
stuol d'armati s'avanza.
                                             Aimè!
                                                           Gli amici (Guardando intorno)
tutti m'abbandonar!
                                       Miseri noi!
una via t'aprirò. Sieguimi. (Lascia Dircea e con spada alla mano s’incamina alla sinistra)
                                                   Indegno,
non fuggirmi. T'arresta.
                                             Ah padre, ah dove
vieni ancor tu!
                             Perfido figlio!
                                                         Alcuno (Vede crescere il numero delle guardie e si pone innanzi alla sposa)
non s'appressi a Dircea.
                                             Principe, ah cedi.
non si stringa il ribelle. Al suo furore
fin dove giungerà. Via su compisci
l'opera illustre. In questo petto immergi
quel ferro, o traditor. Tremar non debbe
chi fin dentro a' lor tempi insulta i numi.
                 Che ti trattien? Forse il vedermi
la destra armata? Ecco l'acciaro a terra.
Brami di più? Senza difesa io t'offro
il tuo maggior nemico. Or l'odio ascoso
puoi soddisfar; puniscimi d'averti
prodotto al mondo. A meritar fra gli empi
il primo onor poco ti manca; ormai
il più facesti; altro a compir non resta
fumante ancor la scellerata mano
porgere alla tua bella.
                                         Ah basta, ah padre
taci, non più. Con quei crudeli accenti
l'anima mi trafiggi. Il figlio reo,
ecco al tuo piè. Quest'infelice vita
riprenditi, se vuoi; ma non parlarmi
mai più così. So ch'io trascorsi; e sento
che ardir non ho per domandar mercede.
Ma un tal castigo ogni delitto eccede.
(In che stato è per me!)
                                             (S'io non avessi
della perfidia sua prove sì grandi,
mi sedurrebbe. Eh non s'ascolti). a' lacci
Ecco la man. Non le ricusa il figlio
del giusto padre al venerato impero.
(Purtroppo il mio timor predisse il vero).
la vittima si renda. E me presente
si sveni, o sacerdoti.
                                       Ah ch'io non posso
Quante volte in un dì morir degg'io!
Mio re, mio genitor.
                                       Lasciami in pace.
             La chiedi invan.
                                             Ma ch'io mi vegga
non sarà ver. Si differisca almeno
il suo morir. Sacri ministri, udite,
sentimi o padre; esser non può Dircea
la vittima richiesta. Il sacrificio
sacrilego saria.
                             Per qual ragione?
D'una vergine il sangue.
                                              E ben Dircea
Ella è moglie, ella è madre, è mia consorte.
               (Io tremo per lui).
                                                   Numi possenti,
che ascolto mai! L'incominciato rito
sospendete o ministri. Ostia novella
sceglier convien. Perfido figlio! E queste
ch'io nutrivo di te? Così rispetti
le umane leggi e le divine? In questa
guisa tu sei della vecchiezza mia
il felice sostegno? Ah...
                                           Non sdegnarti
signor con lui. Son io la rea, son queste
infelici sembianze. Io fui che troppo
mi studiai di piacergli. Io lo sedussi
con lusinghe ad amarmi. Io lo sforzai
al vietato imeneo con le frequenti
lagrime insidiose.
                                   Ah non è vero;
non crederla, signor. Diversa affatto
è l'istoria dolente. È colpa mia
la sua condescendenza. Ogni opra, ogni arte
ho posta in uso. Ella da sé lontano
mi scacciò mille volte; e mille volte
feci ritorno a lei. Pregai, promisi,
costrinsi, minacciai; ridotto alfine
mi vide al caso estremo. In faccia a lei
questa man disperata il ferro strinse;
volli ferirmi e la pietà la vinse.
                Tacete. (Un non so che mi serpe
di tenero nel cor che in mezzo all'ira
vorrebbe indebolirmi. Ah troppo grandi
sono i lor falli; e debitor son io
di virtù, di giustizia). Olà. Costoro
si serbino al castigo.
                                       Almen congiunti...
Congiunti almen nelle sventure estreme...
Sarete, anime ree, sarete insieme.
               Consorte.
                                   E tu per me ti perdi!
E tu mori per me!
                                   Chi avrà più cura
del nostro Olinto?
                                   Ah qual momento!
                                                                       Ah quale...
così vilmente indebolirci? Eh sia
di noi degno il dolore. Un colpo solo
questo nodo crudel divida e franga;
separiamci da forti e non si pianga.
l'intrepido pensier. Più non si sparga
un sospiro fra noi.
                                   Disposta io sono.
                    Addio, Dircea. (Si dividono con intrepidezza ma giunti alla scena tornano a riguardarsi)
                                                 Principe, addio.
               Timante.
                                  Oh dei!
                                                   Perché non parti?
Perché torni a mirarmi?
                                              Io volli solo
veder come resisti a' tuoi martiri.
Ma tu piangi frattanto.
                                           E tu sospiri.
l'immaginar dall'eseguire!
                                                  Oh quanto
più forte mi credei! S'asconda almeno
questa mia debolezza agli occhi tuoi.
Ah fermati, ben mio. Senti.
                                                    Che vuoi?
quando muore Dircea, serbarmi in vita,
stringendo un'altra sposa? E con qual fronte
sì vil consiglio osi propor?
                                                 L'istessa
tua Dircea lo propone. Ella ti parla
così per bocca mia. Dice ch'è questo
l'ultimo don che ti domanda.
                                                      Appunto
perch'ella il vuol, non deggio farlo.
                                                               E pure...
                      Pensa signor...
                                                   Non voglio,
Adrasto, altri consigli.
                                          Io per salvarti
Chi di viver mi parla è mio nemico.
Perché bramar la vita? E quale in lei
piacer si trova? Ogni fortuna è pena,
è miseria ogni età. Tremiam fanciulli
d'un guardo al minacciar; siam giuoco adulti
di fortuna e d'amor; gemiam canuti
sotto il peso degli anni; or ne tormenta
la brama d'ottenere; or ne trafigge
di perdere il timore. Eterna guerra
hanno i rei con sé stessi; i giusti l'hanno
con l'invidia e la frode. Ombre, deliri,
sogni, follie son nostre cure; e quando
a scoprir s'incomincia, allor si muore.
Ah si mora una volta...
                                           Amato prence,
vieni al mio sen. (L’abbraccia)
                                 Così sereno in volto
mi dai gli estremi amplessi? E queste sono
dovute al mio morir?
                                         Che amplessi estremi,
che lagrime, che morte? Il più felice
tu sei d'ogni mortal. Placato il padre
è già con te; tutto obliò. Ti rende
la tenerezza sua, la sposa, il figlio,
la libertà, la vita.
                                 A poco a poco,
Cherinto, per pietà. Troppe son queste
troppe gioie in un punto. Io verrei meno
già di piacer, se ti credessi a pieno.
Non dubitar, Timante.
                                           E come il padre
cambiò pensier? Quando partì dal tempio,
me con Dircea voleva estinto.
                                                       Il disse;
e l'eseguia, che inutilmente ognuno
s'affannò per placarlo. Io cominciavo,
principe, a disperar, quando comparve
Creusa in tuo soccorso.
                                           In mio soccorso
Creusa che oltraggiai!
                                          Creusa. Ah tutti
tu non conosci i pregi. E che non disse,
che non fe' per salvarti? I merti tuoi
come ingrandì! Come scemò l'orrore
del fallo tuo! Per quante strade e quante
il cor gli ricercò! Parlar per voi
la gloria, la pietà. Sé stessa offesa
e lo fece arrossir. Quand'io m'avvidi
che il genitor già vacillava, allora
volo, il ciel m'inspirò, cerco Dircea;
con Olinto la trovo; entrambi appresso
frettoloso mi traggo; e al regio ciglio
presento in quello stato e madre e figlio.
terminò la vittoria. O sia che l'ira
per soverchio avvampar fosse già stanca,
le sue ragioni esercitasse il sangue,
il re cedé; si raddolcì; dal suolo
la nuora sollevò; si strinse al petto
l'innocente bambin; gli sdegni suoi
calmò; s'intenerì; pianse con noi.
Oh caro padre mio! Cherinto, andiamo,
                             No; il fortunato avviso
recarti ei vuol. Si sdegnerà se vede
ch'io lo prevenni.
                                  E tanto amore e tanta
tenerezza ha per me che fino ad ora
la meritai sì poco! Oh come chiari
la sua bontà rende i miei falli! Adesso
gli veggo e n'ho rossor. Potessi almeno
disimpegnar la fé. Cherinto, ah salva
l'onor suo tu che puoi. La man di sposo
offri a Creusa in vece mia. Difendi
gli ultimi dì della paterna vita.
Che mi proponi, o prence! Ah per Creusa,
sappilo alfin, non ho riposo. Io l'amo
quanto amar si può mai. Ma...
                                                        Che?
                                                                    Non spero
ch'ella m'accetti. Al successor reale
sai che fu destinata. Io non son tale.
Altro inciampo non v'è?
                                             Grande abbastanza
                             Va'; la paterna fede
disimpegna, o german. Tu sei l'erede.
s'io non vivea per te. Ti rendo, o prence,
quando ti cedo ogni ragione al trono.
E il genitore...
                            E il genitore almeno
non vedremo arrossir. Povero padre!
Posso far men per lui? Che cosa è un regno
beni ch'egli mi rende?
                                           Ah perde assai
Sempre è più quel che resta a chi la dona.
parti dell'alma mia! Dunque fra poco
v'abbraccierò sicuro! È dunque vero
senza più palpitar vivremo insieme!
Numi, che gioia è questa! A prova io sento
che ha più forza un piacer d'ogni tormento.
                             Sei tu Matusio? Ah scusa
se invano al mar tu m'attendesti.
                                                             Assai
ti scusa il luogo in cui ti trovo.
                                                        E come
potesti mai qui penetrar?
                                                 Cherinto
m'agevolò l'ingresso.
                                        Ei t'avrà dette
le mie felicità.
                            No. Frettoloso
non so dove correa.
                                     Gran cose, amico,
gran cose ti dirò.
                                 Forse più grandi
da me ne ascolterai.
                                      Sappi che in terra
il più lieto or son io.
                                      Sappi che or ora
scopersi un gran segreto.
                                               E quale?
                                                                  Ascolta
Dircea non è mia figlia, è tua germana.
Eh tu scherzi con me.
                                         Non scherzo, o prence.
La cuna, il sangue, il genitor, la madre
hai comuni con lei.
                                     Taci. Che dici?
(Ah nol permetta il ciel).
                                               Fede sicura
questo foglio ne fa.
                                    Che foglio è quello?
Porgilo a me. (Con impazienza)
                           Sentimi pria. Morendo
chiuso mel diè la mia consorte; e volle
giuramento da me che, tolto il caso
che a Dircea sovrastasse alcun periglio,
aperto non l'avrei.
                                   Quand'ella adunque
oggi dal re fu destinata a morte,
perché non lo facesti?
                                         Eran tant'anni
scorsi di già ch'io l'obbliai.
                                                  Ma come
                           Quando a fuggir m'accinsi,
il ritrovai che trassi meco al mare.
Lascia alfin ch'io lo vegga. (Con impazienza)
                                                  Aspetta.
                                                                    Oh stelle!
Rammenti già che alla real tua madre
fu amica sì fedel la mia consorte
che in vita l'adorò, seguilla in morte?
                                Sì.
                                        Vedi ch'è il foglio
di propria man della regina impresso?
Sì; non straziarmi più. (Come sopra)
                                            Leggilo adesso. (Gli porge il foglio)
(Mi trema il cor). (Legge) «Non di Matusio è figlia
germe è Dircea. Demofoonte è il padre,
nacque da me. Come cambiò fortuna
altro foglio dirà. Quello si cerchi
nel domestico tempio a piè del nume,
accostarsi che il re. Prova sicura
eccone intanto; una regina il giura.
Questo è più che stupor. Perché ti copri
(Onnipotenti dei, che colpo è questo!)
le tue felicità.
                           Matusio, ah parti.
Ma che t'affligge? Una germana acquisti
ed è questa per te cagion di duolo?
Lasciami per pietà, lasciami solo. (Si getta a sedere)
son mai varie fra lor! Lo stesso evento
a chi reca diletto, a chi tormento.
Misero me! Qual gelido torrente
mi ruina sul cor! Qual nero aspetto
prende la sorte mia! Tante sventure
comprendo alfin; perseguitava il cielo
un vietato imeneo. Le chiome in fronte
mi sento sollevar. Suocero e padre
m'è dunque il re! Figlio e nipote Olinto!
Dircea moglie e germana! Ah qual funesta
confusion d'opposti nomi è questa.
Fuggi, fuggi, Timante. Agli occhi altrui
non esporti mai più. Ciascuno a dito
ti mostrerà. Del genitor cadente
tu sarai la vergogna; e quanto, oh dio!
si parlerà di te. Tracia infelice,
ecco l'Edipo tuo. D'Argo e di Tebe
le furie in me tu rinnovar vedrai.
conosciuta, Dircea. Moti del sangue
violenze d'amor. Che infausto giorno
fu quel che pria ti vidi! I nostri affetti
saran per noi! Che mostruoso oggetto
a me stesso io divengo! Odio la luce;
ogni aura mi spaventa; al piè tremante
parmi che manchi il suol; strider mi sento
cento folgori intorno; e leggo, oh dio!
scolpito in ogni sasso il fallo mio.
                   Ah principessa, ah perché mai
morir non mi lasciasti?
                                            Amato figlio.
non chiamarmi mai più.
                                               Forse non sai...
Troppo, troppo ho saputo.
                                                 Un caro amplesso
pegno del mio perdon... Come! T'involi
Ardir non ho di rimirarti in faccia.
                        Ma che avvenne?
                                                          Ecco il tuo figlio;
consolati, signor.
                                 Dagli occhi, Adrasto,
toglimi quel bambin.
                                         Sposo adorato.
Parti, parti, Dircea.
                                     Da te mi scacci
Dove, misero me, dove m'ascondo?
                Senti.
                              T'arresta.
                                                  Ah voi credete
consolarmi, crudeli, e m'uccidete.
da voi tutti e da me.
                                       Ma dove andrai?
ove non sian viventi, ove sepolta
la memoria di me sempre rimanga.
                       E il figlio?
                                            E la tua sposa?
                                                                         Oh dio!
Non parlate così. Padre, consorte,
figlio, german son dolci nomi agli altri;
ma per me sono orrori.
                                            E la cagione?
scordatevi di me.
                                  Deh per quei primi
fortunati momenti in cui ti piacqui...
                         Per que' soavi nodi...
Ma taci per pietà. Tu mi trafiggi
l'anima e non lo sai.
                                      Già che sì poco
curi la sposa, almen ti muova il figlio.
guardalo; è sangue tuo.
                                            Così nol fosse.
Ma in che peccò? Perché lo sdegni? A lui
perché nieghi uno sguardo? Osserva, osserva
come solleva a te, quanto vuol dirti
con quel riso innocente.
                                             Ah se sapessi,
infelice bambin, quel che saprai
lieto così non mi verresti intorno.
Sieguilo, Adrasto. Ah, chi di voi mi spiega
se il mio Timante è disperato o stolto.
mi guardate e tacete. Almen sapessi
qual riparo apprestar. Numi del cielo,
fate almen ch'io conosca il mio periglio.
E tu, Dircea, che fai? Di te si tratta;
si tratta del tuo sposo. Appresso a lui
corri, cerca saper... Ma tu non m'odi?
non sollevi dal suol? Dal tuo letargo
svegliati alfin. Sempre il peggior consiglio
è il non prenderne alcun; s'altro non sai
piangi, lagnati almen, parla, rispondi.
Qual terra è questa! Io perché venni a parte
delle miserie altrui! Quante in un giorno,
quante il caso ne aduna! Ire crudeli
tra figlio e genitor, vittime umane,
infelici imenei. Mancava solo
senza saper perché. Ma troppo, o sorte,
è violento il tuo furor. Conviene
che passi o scemi. In così rea fortuna
parte è di speme il non averne alcuna.
Dove, crudel, dove mi guidi! Ah queste
son pene a un disperato.
                                              Io non conosco
più il mio german. Che debolezza è questa
troppo indegna di te? Senza saperlo
errasti alfin: sei sventurato, è vero,
ma non sei reo. Qualunque male è lieve
dove colpa non è.
                                 Dall'opre il mondo
regola i suoi giudizi; e la ragione,
quando l'opra condanna, indarno assolve.
Son reo purtroppo; e se finor nol fui,
lo divengo vivendo. Io non mi posso
dimenticar Dircea. Sento che l'amo;
so che non deggio. In così brevi istanti
che un vero amor, che un imeneo, che un figlio
strinser così? Che le sventure istesse
resero più tenace? E tanta fede?
E sì lungo costume? Oh dio! Cherinto,
lasciami per pietà. Lascia ch'io mora
finché sono innocente.
                                           Il re per tutto
ti ricerca, o Timante. Or con Matusio
dal domestico tempio uscir lo vidi.
né chiedon che di te.
                                        Fuggasi. Io temo
troppo l'incontro del paterno ciglio.
Figlio mio, caro figlio. (Abbracciandolo)
                                           A me tal nome!
                               Perché mio figlio sei,
perché son padre tuo.
                                         Tu sogni... Oh stelle!
                           No; non fuggirmi, o sposo;
tua germana io non son.
                                              Voi m'ingannate
per rimettere in calma il mio pensiero.
Non t'ingannan, Timante; è vero, è vero.
sarebbe crudeltà.
                                  Ti rassicura.
No, mio figlio non sei. Tu con Dircea
fosti cambiato in fasce. Ella è mia prole,
tu di Matusio. Alla di lui consorte
la mia ti chiese in dono. Utile al regno
il cambio allor credé. Ma quando poi
nacque Cherinto, al proprio figlio il trono
d'aver tolto s'avvide e a me l'arcano
non ardì palesar, che troppo amante
già di te mi conobbe. All'ore estreme
ridotta alfin, tutto in due fogli il caso
scritto lasciò. L'un diè all'amica; e quello
Matusio ti mostrò; l'altro nascose;
ed è questo che vedi.
                                        E perché tutto
nel primo non spiegò?
                                           Solo a Dircea
del regio suo natal. Bastò per questo
giurar ch'era sua figlia. Il gran segreto
della vera tua sorte era un arcano
da non fidar che a me, perch'io potessi
palesarlo o tacerlo. A tale oggetto
celò quest'altro foglio in parte solo
accessibile a me.
                                 Sì strani eventi
mi fanno dubitar.
                                   Troppo son certe
le prove, i segni; eccoti il foglio in cui
di quanto ti narrai la serie è accolta.
Non deludermi, o sorte, un'altra volta. (Prende il foglio e legge tra sé)
le felici novelle onde la reggia
tutta si riempì?
                               Sì, principessa.
Ecco lo sposo tuo. L'erede, il figlio
io ti promisi; ed in Cherinto io t'offro
ed il figlio e l'erede.
                                      Il cambio forse
spiace a Creusa.
                                A quel che il ciel destina
Ancora non vuoi dir ch'io ti son caro?
L'opra stessa il dirà.
                                       Dunque son io
quell'innocente usurpator di cui
l'oracolo parlò!
                             Sì. Vedi come
ogni nube sparì. Libero è il regno
dall'annuo sagrificio; al vero erede
la corona ritorna; io le promesse
senza usar crudeltà; Cherinto acquista
la sua Creusa, ella uno scettro; abbracci
sicuro tu la tua Dircea; non resta
e scioglie tanti nodi un foglio solo.
Oh caro foglio! Oh me felice! Oh numi
mi sento allegerir! Figlio, consorte,
tornate a questo sen; posso abbracciarvi
                           Che fortunato istante!
Che teneri trasporti!
                                        a' piedi tuoi (S’inginocchia)
mio giustissimo re. Scusa gli eccessi
d'un disperato amor. Sarò, lo giuro,
che figlio non ti fui.
                                      Sorgi, tu sei
mio figlio ancor. Chiamami padre. Io voglio
esserlo fin che vivo. Era finora
obbligo il nostro amor ma quindi innanzi
elezion sarà. Nodo più forte
fabbricato da noi, non dalla sorte.
le crudeltà, le violenze altrui
di spettacol festivo agli occhi tui
non è strano, o signor. Gli opposti oggetti
rende più chiari il paragon. Distingue
nel mal che gli altri oppresse il ben ch'ei gode;
e il ben che noi godiam tutto è tua lode.
mandi il trace inumano, ognun ripensa
alla giustizia tua. Frema e s'irriti
de' miseri al pregar, rammenta ognuno
la tua pietà. Barbaro sia col figlio,
tenero padre a noi. Qualunque eccesso
rappresentin le scene, in te ne scopre
la contraria virtù. L'ombra in tal guisa
ingegnoso pennello al chiaro alterna;
qualor lucida gemma in oro accoglie,
fosco color le sottopone; e quella
presso al contrario suo splende più bella.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/progettometastasio.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8