Zenobia, Parigi, Quillau, 1755

 SCENA VI
 
 TIRIDATE, poi MITRANE e detta in disparte
 
 TIRIDATE
 Né ritorna Mitrane! Ah mi spaventa
 la sua tardanza. Eccolo. Aimè! Che mesto,
 che torbido sembiante! Amico, ah vola,
 m'uccidi o mi consola. Il mio tesoro
290dov'è? Ne rintracciasti
 qualche novella?
 MITRANE
                                 Ah Tiridate!
 TIRIDATE
                                                          Oh dio!
 Che silenzio crudel! Parla. È un arcano
 la sorte di Zenobia? Ognuno ignora
 che fu di lei, dove il destin la porta?
 MITRANE
295Ah purtroppo si sa.
 TIRIDATE
                                      Che avvenne?
 MITRANE
                                                                  È morta.
 TIRIDATE
 Santi numi del ciel!
 MITRANE
                                       Quell'empio istesso,
 che il genitor trafisse,
 la figlia anche svenò.
 TIRIDATE
                                         Chi?
 MITRANE
                                                     Radamisto
 fu l'inumano.
 TIRIDATE
                            Ah scellerato! E tanto...
300No, possibil non è. Qual cor non placa
 tanta bellezza! Ei ne languia d'amore;
 non crederlo, Mitrane.
 MITRANE
                                            Il ciel volesse
 che fosse dubbio il caso. Ei dell'Arasse
 sul margo la ferì; dall'altra sponda
305un pescator nell'onda
 cader la vide. A darle aita, a nuoto
 corse ma invano; era sommersa. Ei solo
 l'ondeggiante raccolse
 sopravvesta sanguigna. I detti suoi
310esser non ponno infidi;
 la spoglia è di Zenobia ed io la vidi.
 TIRIDATE
 Soccorrimi.
 ZENOBIA
                         (Oh cimento!)
 TIRIDATE
                                                      Agli occhi miei (Si appoggia ad un tronco)
 manca il lume del dì.
 ZENOBIA
                                         (Consiglio, o dei).
 MITRANE
 Principe, ardir. Con questi colpi i numi
315fan prova degli eroi.
 TIRIDATE
                                        Lasciami.
 MITRANE
                                                            In questo
 stato degg'io lasciarti!
 Di me, signor, che si direbbe?
 TIRIDATE
                                                         Ah parti.
 MITRANE
 
    Ch'io parta? M'accheto,
 rispetto il comando;
320ma parto tremando,
 mio prence, da te.
 
    Minaccia periglio
 l'affanno segreto,
 qualor di consiglio
325capace non è. (Parte)
 
 
 
 

Warning: file_get_contents(https://www.librettodopera.it/public/res/risorse_it.properties): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 503 Service Temporarily Unavailable in /home/apostolo/domains/progettometastasio.it/public_html/library/himeros/model/Language.php on line 27