L’Issipile, Venezia, Bettinelli, 1733

 SCENA V
 
 RODOPE, ISSIPILE
 
 RODOPE
 Ma troppo, o principessa,
 t'abbandoni al dolor. Sempre la sorte
 non ti sarà severa.
 Di Giasone al valor fidati e spera.
 ISSIPILE
 
1000   Ch'io speri? Ma come,
 se nacqui alle pene,
 se un'ombra di bene
 non vidi finor?
 
    Ognior doppio affanno
1005mi trovo nel petto.
 V'è quello che provo,
 v'è l'altro che aspetto;
 e al pari del danno
 m'affligge il timor. (Parte)
 
 
 
 

Warning: file_get_contents(https://www.librettodopera.it/public/res/risorse_it.properties): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 503 Service Temporarily Unavailable in /home/apostolo/domains/progettometastasio.it/public_html/library/himeros/model/Language.php on line 27