Metrica: interrogazione
37 sineresi in L'eroe cinese P  (recitativo) 
da me fortezza. Io per Minteo sospiro;
e Minteo non lo sa. Forse per sempre
vuoto serbò come dovea Leango
a chi più dee serbarlo?
                                           Ah che purtroppo
l'idea d'un nuovo amore...
Ecco Minteo; s'eviti. Ah s'ei sapesse
del povero Minteo tanto ti spiace,
Minteo, m'ascolta. Io non son tanto ingiusta
in Minteo non ti spiace?...
Minteo, dov'è il mio figlio?
eroe, compagno, amico,
caro Minteo. La tua virtù conosco;
Va' Minteo, ti consola; oggi il potrai. (Misterioso)
l'arcano ch'io temea. Sponde felici (Trasportata)
Ah Minteo che ti giova or che lo sai?
mi perdo, mi confondo e rea non sono
che i Tartari sian giunti
ah forse il figlio è reo?
                                          Non ho più figlio.
Minteo n'è il duce; e riposar possiamo
di Minteo su la fé.
                                   Dunque ad esporsi
d'un popol reo...
                                Ma nella chiusa reggia
che fa? Dov'è Minteo?
                                          Minteo fra poco
il trono usurperà.
                                  Minteo? Che dici?
Il mio fido Minteo?
                                      Come! E non sai
vive Leango anima rea. Sul trono
le vidi aprir; vidi Minteo fra loro;
che più attender dovea?
                                              Dunque!... (Sorpreso)
                                                                    Tu sei
(Che adorabile eroe!)
                                         Figlio a gran torto
caro Minteo mi siegui. In faccia al nume
ch'io l'adori Minteo. Non ha bisogno
Ah Minteo non è questa
vegga prima Minteo; poi mi condanni.
che valor! s'opponea. La turba alfine
                             Il suo Minteo.
                                                         Che dici?
la reggia a fronte. E da Minteo sedato
ecco in Minteo; son troppo
È Leango l'eroe; credete a lui.

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/metastasio/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8