Metrica: interrogazione
28 quinari in Artaserse P2 
le reti e l'amo.
sospiro e chiamo.
   Bramar di perdere
per troppo affetto
parte dell'anima
nel caro oggetto
è il duol più barbaro
   Pur fra le pene
se il caro bene
sospira e dice:
«Troppo a Semira
fu ingrato amor».
   Non ti son padre,
non mi sei figlio,
pietà non sento
d'un traditor.
   Tu sei cagione
del tuo periglio,
tu sei tormento
rispetta e taci.
le sacre faci.
che più non amo.
che invan lo bramo.
nel fier mio fato. (Parte fra le guardie seguito da Megabise e dai grandi)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/progettometastasio.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8