Metrica: interrogazione
85 settenari (pezzi chiusi) in Il re pastore Q 
   Intendo, amico rio,
quel basso mormorio;
tu chiedi in tua favella:
«Il nostro ben dov'è?»
   Intendo, amico rio...
   So che pastor son io
né cederei finor
lo stato di un pastor
   Se poi lo stato mio
il ciel cangiar vorrà,
il ciel mi fornirà
   Si spande al sole in faccia
nube talor così;
e folgora e minaccia
sull'arido terren.
   Ma poi che in quella foggia
assai d'umori unì,
tutta si scioglie in pioggia
e gli feconda il sen. (Parte)
   Di tante sue procelle
già si scordò quest'alma;
già ritrovò la calma
sul volto del mio ben.
   Tra l'ire delle stelle
se palpitò d'orrore,
or di contento il core
va palpitando in sen. (Parte)
   Vanne a regnar, ben mio;
ma fido a chi t'adora
serba se puoi quel cor.
   Se ho da regnar, ben mio,
sarò sul trono ancora
il fido tuo pastor.
   Ah che il mio re tu sei!
Ah che crudel timor!
   Voi proteggete, o dei,
questo innocente amor.
   Al mio fedel dirai
ch'io son... ch'io venni... Oh dio!
Tutto il mio cor tu sai;
parlagli col mio cor.
   Che mai spiegar? Che mai
dirti di più poss'io?
Tu vedi il caso mio;
e tu conosci amor. (Parte)
   Barbaro! Oh dio, mi vedi
divisa dal mio ben;
barbaro, e non concedi
ch'io ne dimandi almen!
   Come di tanto affetto
alla pietà non cedi?
Hai pure un core in petto,
hai pure un'alma in sen. (Parte)
   Ogn'altro affetto ormai
vinca la gloria in te.
Parli una volta il re,
   Sempre un pastor sarai,
se l'arte di regnar
pretendi d'imparar
   Ah tu non sei più mio!
Ah l'amor tuo finì!
   Così non dirmi, oh dio!
Non dirmi, oh dio, così!
   Dov'è quel mio pastore?
Quel mio fedel dov'è?
   Ah mi si agghiaccia il core.
Ah che sarà di me?
   Io rimaner divisa
dal caro mio pastore?
No, non lo vuole amore;
no, non lo soffre Elisa;
no, sì tiranno il core
il mio pastor non ha.
   Ch'altri il mio ben m'involi
e poi ch'io mi consoli?
Come non hai rossore
di sì crudel pietà? (Parte)
   Se tu di me fai dono,
se vuoi che d'altri io sia,
perché la colpa è mia?
Perché son io crudel?
   La mia dolcezza imita.
L'abbandonata io sono;
e non t'insulto ardita
chiamandoti infedel. (Parte)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/progettometastasio.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8