Metrica: interrogazione
60 tronchi in Catone in Utica P3  (pezzi chiusi) 
di Roma un figlio in te.
non ti prometto amor.
fidati del mio cor,
resti la cura a me
né domandar mercé
che m'inganni amando ancor.
son crudele e traditor.
ch'io ti risponderò.
teco poi parlerò. (A Cesare)
meraviglia, rispetto e pietà.
nomi ignoti timore e viltà. (Parte)
non sdegnarti anch'io verrò.
che a tuo danno il mondo armò. (Parte)
s'è debolezza amor.
amano i numi ancor.
che impari ad amar.
   Un certo non so che
sdegno però non è.
troppo delitto in te.
uno sguardo ed un sospir.
con asconder il martir.
sol la patria adora in me.
in Caton disciolto ha il piè.
e pur ti deggio amar.
l'arte d'innamorar
se amor non vive in te,
perché crudel, perché
intorbida il sentier.
dell'avido nochier.
conobbe egli ancor.
la vendetta oggi vedrà,
al mio braccio onor sarà.
quanto sia mia fedeltà.
pace il cor mai non avrà.
misero al par di me.
costante il cor non è.
tu non sperare amor. (Ad Arbace)
dalle catene il cor,
   Ti piace il suo rigor,
non cerchi libertà,
l'istessa infedeltà
ma non lo so spiegar.
che non vorrebbe amar.
o ch'egli vuole amar
per me sereno in ciel.
la nuova è più crudel.
dalla valle al prato va.
dal suo fianco cader fa.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/progettometastasio.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8